Panelle e crocchè, ma solo on-line

Qualche giorno fa leggevo Repubblica on-line e mi è caduto l’occhio su questa notizia: una nuova sit-com antimafia ambientata in una rosticceria Palermitana, PC-Panelle e Crocchè. Il set è quello della Antica Rosticceria San Francesco (che diventa Premiata Focacceria Schillaci), agli onori delle cronache, qualche anno fa, per la crociata anti-racket del suo proprietario, oramai costretto a vivere sotto scorta.

Foto da http://www.afsf.it/ 

Duplice l’interesse, da parte mia: interessantissima la formula della sit-com, ovvero 8 mini puntate in diretta dalla focacceria e trasmesse on-line su questo sito, ma visibile anche su altri. Le puntate coinvolgono anche i “normali” avventori ed il soggetto è aperto alle modifiche inviate on-line dagli spettatori; forse il primo esperimento di questo tipo in Italia.

E poi, soprattutto, l’impegno civile che l’iniziativa si ripropone: raccontare la vita reale, sullo sfondo della focacceria, per far vedere che la mafia c’è, ma non si vede. Emblematica, la figura del latitante costretto a nascondersi tra i forni della focacceria e costretto a mangiare solo panelle e crocchè – beato lui, penserà qualcuno. Ma non c’è solo il latitante; tanti personaggi comuni, come le Three Arancine, trio vocale composto da una ragazza Italiana e due ragazze extra-comunitarie, oppure Morgana, un trans che interpreta se stessa, a voler suggellare l’estrema varietà e quindi ricchezza di quest’isola. Varietà accomunata dalla passione per Panelle e Crocchè appunto, di fronte alle quali, tutte le distanze si annullano.

Se c’è una cosa che ha insegnato il successo di Saviano è che la mafia, la camorra, vanno raccontate, magari anche snocciolandole come un romanzo. O come una sit-com. Solo così c’è la presa di coscienza. Io sicuramente la guarderò. E soprattutto, la prossima volta che sarò a Palermo, sarò ben felice di dare una mano a chi ha scelto di combattere il racket. Come? Molto semplicemente andrò a farmi una grande abbuffata all’Antica Focacceria San Francesco.

3 Risposte to “Panelle e crocchè, ma solo on-line”

  1. Panelle for ever Says:

    Veramente bella, consoglio a tutti di vederla😉

  2. ciao arteteca, era tanto che volevo lasciare un commento, poi o mi scordavo o non avevo tempo… e eccomi qua… anch’io ai miei figli dico sempre che hanno l’arteteca, non si stanno quieti un secondo ;)! In bocca al lupo per tutte le tue cose! Ah carina la sit!

  3. Ciao Fabrizio, ti rispondo per la pasta fillo, credo che l’unico modo di stenderla sia il matterello!!! grazie per essere passato dal mio blog… e complimenti per il tuo🙂

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: