Paccheri soffiati al merluzzo mantecato

Questo post lo tenevo nel cassetto, ma quando ho visto il contest di Farina, Lievito e Fantasia di Ramona non ho resistito ed eccolo qui.

Per il contest FOODBLOGGER AI FORNELLI, categoria ANTIPASTI, signori e signore, scende in campo:

Paccheri di Gragnano soffiati, merluzzo mantecato, pesto, tapenade di olive e pomodorino secco

Per 4 persone servono:
– 12/16 paccheri di Gragnano Garofalo
– 300 gr polpa di merluzzo (va bene un filetto o gli avanzi della sfilettatura)
– latte
– alici sotto sale
– pesto, pomodorini secchi, olive nere per condire
– olio ev per la mantecatura
– olio per friggere

Per prima cosa bisogna preparare i paccheri; bisogna cuocerli il doppio del tempo, senza che si rompano. Per far ciò conviene buttarli nell’acqua un po’ prima che raggiunga i 100°  – diciamo 75°. Una volta terminata la stra-cottura vanno fatti essiccare; si possono mettere sul termosifone, oppure in forno a 60°. Eccoli qui:

Una volta ben secchi, si prepara un pentolino con olio di arachidi, si porta a temperatura e si friggono (un paio per volta) i paccheri disidratati, ottenendo l’effetto pacchero soffiato. La pasta risulterà croccante e friabile. Mettete ad asciugare su carta, così:

Per il merluzzo mantecato ho seguito una ricetta stra-classica: ho fatto prima sciogliere un paio di filetti di alici sottosale in olio ev, poi ho aggiunto la polpa del merluzzo e ho coperto col latte, lasciando a fuoco moderato fino al completo assorbimento del latte. Ho quindi “smollicato” la polpa di merluzzo ed ho iniziato a mantecare con la frusta e con olio ev a filo – ricordate che nel baccalà mantecato l’olio deve versarlo un cieco. Il merluzzo mantecato risulta più delicato del baccalà, in quanto ha carni più tenere e non risente della salagione.

Per completare il piatto ho fatto una tapenade (brunoise piccolissima) di olive taggiasche e pomodorini secchi, ho riempito con un sac-a-poche i paccheri e condito ognuno con un condimento diverso. Et voilà.

9 Risposte to “Paccheri soffiati al merluzzo mantecato”

  1. Ma quei poverini degli altri partecipanti al concorso sanno che ci sei anche tu?
    No, perchè bisognerebbe dirglielo per evitare che si facciano illusioni.
    Io manco ci provo visto che c’è assopigliatuttoarteteca in giro.
    Sarei curiosa di sapere cosa pensa Emidio di questa ricetta, a me incuriosisce molto.

    P.S.
    Quando scendi per Natale?

  2. Questo tipo di cottura davvero non lo avevo mai visto! Sono curiosissima di provare la consistenza della pasta fritta! Bravissimo, ottima ricetta!

  3. Grazie per aver partecipato. La ricetta è stata inserita nella sezione CONTEST BALLARINI.
    Puoi partecipare anche con una ricetta nella prima categoria RISOTTI e nella seconda categoria SECONDI PIATTI.

  4. annoto il porcedimento dei paccheri soffiati🙂
    avevo pensato di partecipare anch’io ma (come dice lydia) c’è poco da fare😀, magari partecipo ai secondi :)….

  5. Artèteca Says:

    @ Lydia – Sfotti sfo’
    @ Chiara – Croccante e friabile; si cuociono in 2 secondi, per cui neanche puzza di fritto. Puoi metterci dentro qualsiasi cremina/mousse
    @ Ramona – Grazie e speriamo bene
    @ Gio – Sfotti pure tu😉

  6. Secondo me hai vinto al superenalotto e hai comprato Bottura che tieni nascosto in cucina… ANTIDOPING PER ARTETEKA!

    p.s. Spettacolo!

  7. …ma bellissimi questi paccheri! Certo che assaggiarli anche sarebbe il massimo!

  8. miiii, ma queste cose com’è che ti saltano in mente? Pasta fritta e merluzzo mantecato??
    CHissà che buona che è!
    E io che sono rimasta al merluzzo fish&chips, che finalmente ho fatto: andato a ruba, doppia porzione ai bambini😉 grazie e complimenti!

  9. ma che belli!!! e che fame,e ho pure appena pranzato🙂

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: