Scampoli di Capodanno

Alzi la mano a chi non è capitato! Insomma, si, di rimanere con un bel panettone, oppure con uno zampone, oppure, meglio ancora, con un bel vassoio di struffoli – magari solo a Napoli – ben oltre il periodo natalizio. Beh, personalmente sto ancora facendo colazione col panettone, quindi nessuno scandalo che a pranzo si faccia fuori un bel cotechino.

Ravioli di sedano rapa e cotechino, foie gras in crosta di semi di papavero

Oddio bello, proprio non saprei, però buono, si, forse non della miglior fattura, ma comunque un bel soggetto per un’idea che mi ronzava in testa da tempo, ovvero quello di utilizzare un tubero come raviolo. E il tubero in questione è un bel sedano rapa, forse il mio preferito, tra i tuberi, per la sua versatilità in cucina. Ma andiamo per gradi.

Servono:
– 1 sedano rapa
– brunoise sedano-carote-cipolle
– passata di pomodoro
– olio ev
– 1 cotechino
– foie grs
– semi di papavero

Ho avviato un sugo classicissimo, soffriggendo e sfumando con del vino bianco una brunoise di sedano-carota-cipolle, che ho poi tirato con una passata di pomodoro, fino a raggiungere una consistenza densa. Ho frullato poi il tutto. Ho tagliato il sedano rapa sottilissimo e l’ho fatto cuocere 2 minuti in acqua bollente. Una volta sbianchite le fettine di sedano rapa, ne ho ricavato dei dischetti con l’ausilio di un coppa pasta. Per la farcia dei ravioli ho fatto cuocere il cotechino secondo le indicazioni del produttore e l’ho spappolato con le dita, condendo con un paio di cucchiai del sugo.

Ho confezionato i ravioli con dischetti; un dischetto sul tagliere, un po’ di farcia al centro ed un dischetto a chiudere, schiacciando con le dita i bordi del dischetto.

Ho impiattato i ravioli con il sugo – ho fatto dei disegni con l’ausilio di un biberon – e completato il tutto con 2 palline di foie-gras in crosta di semi di papavero.

3 Risposte to “Scampoli di Capodanno”

  1. ciao, non ho mai sbianchito il sedano rapa! dice che riesco a fare anche dei sigari? perchè la tua idea mi piace molto…

  2. Carissima, è sempre un piacere dialogare con te … secondo me si …. ridurrei il sedano rapa ad un parallelepipedo, ottenendo poi delle fettine sottilissime. Il problema è come tenerli chiusi poi … infarinatura + uovo a sigillare, forse.
    Una tecnica per rendere più elastica la frutta, è di immergerla per 24h in un bagno di glucosio, anche se non conosco dosi/densità/proporzioni, però per una ricette salata non va bene … muble muble:/

  3. bel modo di far fuori il cotechino!
    ..io l’ho rifilato alla mamma🙂

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: